salta menù

Home page

Italiano English Français Español Deutsche Νεοελληνική Português Nederlands Dansk Polski Română Russkiĭ عريي  中文版本 日本語 

Facebook Twitter 

Sistema dei Parchi del Lazio

.  Home  .  Ente Parco  .  Servizi  .  News  .  Ambiente e Territorio  .  Vivere il Parco  .  Foto e Video  .

 Cerca nel sito Mappa del sito

News  »  Comunicati stampa del Parco  »  2017  »  11/05/2017

««|


I guardiaparco recuperano un allocco ferito

Il rapace è stato consegnato al centro recupero rapaci di Vico


Domenica 7 maggio i guardiaparco della Valle del Treja sono stati contattati da un privato a cui era stato affidato un giovane allocco in difficoltà; il rapace è stato subito portato ai colleghi di Caprarola, dove si trova il Centro recupero rapaci gestito dalla Riserva Naturale del Lago di Vico, che nell’ambito del sistema dei Parchi della Regione Lazio, costituisce una delle attività più rilevanti dal punto di vista faunistico.

Tra i compiti che i guardiaparco svolgono durante tutto l’anno c’è infatti anche quello della tutela e della salvaguardia della fauna selvatica attraverso numerose attività, tra cui il recupero di animali feriti.

Costruito nel 1984, il Centro è la prima struttura regionale creata per la cura e il recupero alla vita selvatica di uccelli rapaci, sia diurni sia notturni e costituisce un polo di riferimento per quanti, Enti pubblici (Comuni, Carabinieri Forestali, Associazioni ambientaliste, Aree protette) e privati cittadini, trovino animali feriti o in difficoltà. Ogni anno una media di 250 esemplari arrivano al centro di Vico. Tutti vengono curati, e di questi circa il 60% può tornare in natura.

La collaborazione tra aree protette ha portato il Parco del Treja ad usufruire diverse volte delle strutture del centro rapaci di Vico; è capitato infatti, che i guardiaparco si siano imbattuti in animali smarriti o feriti e che essi siano stati affidati alle cure dei colleghi di Vico, ai quali è dovuto un ringraziamento per l’entusiasmo e l’efficacia del loro lavoro.



La consegna dell'allocco ai colleghi di Vico - foto Archivio Parco