salta menù

Home page

Italiano English Français Español Deutsche Νεοελληνική Português Nederlands Dansk Polski Română Russkiĭ عريي  中文版本 日本語 

Facebook Twitter 

Sistema dei Parchi del Lazio

.  Home  .  Ente Parco  .  Servizi  .  News  .  Ambiente e Territorio  .  Vivere il Parco  .  Foto e Video  .

 Cerca nel sito Mappa del sito

Ambiente e Territorio  »  Clima

««|


Le condizioni climatico-ambientali di una regione sono alla base dell’aspetto della regione stessa determinando la formazione e le caratteristiche dei suoli, la distribuzione della vegetazione e la fauna presente.

Il territorio del Parco Valle del Treja ricade nel dominio del clima “Temperato Mediterraneo”, caratterizzato da inverni miti ed estati calde. I valori della temperatura media mensile aumenta progressivamente da 6,7 °C del mese di gennaio, il più freddo dell’anno, a 24,3 °C di luglio, per poi diminuire in modo continuo e regolare fino a dicembre. Le precipitazioni annuali medie si attestano intorno ai 950 mm, con novembre come mese più piovoso e luglio il più asciutto.

L’insieme dei dati annuali di temperatura e piovosità forniscono indicazioni sull’aridità del territorio, parametro fondamentale per l’influenza che ha sulla vegetazione. Nel caso della Valle del Treja, si riconosce un periodo di aridità estiva della durata di circa due mesi, compreso tra la seconda metà del mese di giugno e la prima del mese di agosto, si tratta di una condizione non eccessiva anche perché mitigata dalle abbondanti precipitazioni annuali.

Quanto descritto sono le caratteristiche generali della zona in cui ricade il Parco Valle del Treja desunte dalle stazioni termopluviometriche più vicine (Civita Castellana e Nepi), ma se ci spostiamo a scala locale si osservano sensibili variazioni dei parametri climatici. Le pareti delle forre, strette e ripide, ostacolano la diffusione della radiazione solare, che raggiunge il fondo in quantità ridotta, si determina così, scendendo verso il fondovalle, un progressivo aumento dell’ombreggiamento accompagnato da una diminuzione della temperatura.



Parallelamente, la rigogliosa vegetazione che li riveste e i numerosi corsi d’acqua che scorrono all’interno contribuiscono ad aumentare l’umidità all’interno di questi valloni e il risultato è la creazione di un microclima particolare, sensibilmente più fresco e umido rispetto ai pianori esterni.